Perché dovresti giocare a Dishonored 2 nei panni di un assassino psicotico

Disonorata 2 violenza

Dishonored 2 è un eccellente gioco stealth. Con risultati da vincere giocando senza essere scoperti o uccidere una sola anima, è un titolo che abbraccia la vita nell'ombra. E mentre certamente dovresti affrontare la sfida di una corsa furtiva hardcore, c'è anche un altro stile di gioco che devi provare. Lo stile di un assassino assetato di sangue.

La brillante simulazione immersiva di Arkane è una delle tante superbi giochi per PC rilasciati nel 2016 .



Molti giochi incentrati sulla furtività fanno sembrare il combattimento un imbroglio; le meccaniche di uscita che vengono alla ribalta solo se sbagli. Giocare a qualcosa di meno che completamente non letale è fatto sentire come la via d'uscita facile. In quei giochi, far saltare il cervello a un uomo con un fucile a distanza ravvicinata è il metodo alternativo, disapprovato.



Non in Dishonored 2, però. Limitando te stesso a giocare in modo puramente invisibile, ti stai perdendo alcuni degli elementi più raffinati ed emozionanti del gioco: il combattimento e le armi. È un errore che ho fatto nella prima partita. Giocando in modo completamente non letale, praticamente le uniche abilità che ho usato sono state l'abilità Blink di salto veloce di Corvo e l'attacco choke-out. Non avrei commesso quell'errore con Dishonored 2.

Il gioco della spada in Dishonored 2 è uno dei più potenti sistemi di mischia in prima persona mai realizzati. Puoi vederlo in azione nel video Miller Rapport incorporato sopra, che mostra & hellip; beh, forse non proprio il metodo esatto che sto sostenendo. Il combattimento ha le sue radici nel profondo del sottovalutato Dark Messiah of Might and Magic di Arkane; un gioco di ruolo hack-and-slash di Source engine che ti ha visto affondare le spade in profondità nel collo delle guardie e calciare gli orchi ragdoll-y in fosse di punte. Il combattimento di Dishonored 2 è una versione fresca e aggiornata di questo e uno sforzo profondamente piacevole.



Ogni colpo della tua lama risuona; non c'è niente di quell'assenza di gravità di Elder Scrolls qui. I colpi parati risuonano e i contrattacchi fanno esplodere geyser di sangue dalle ferite fresche. È tutto nella fioritura finale, però: una spada attraverso una bocca aperta, una spinta verso il basso tra le scapole o un colpo che taglia il busto dalle gambe. È meravigliosamente vizioso e vacilla sull'orlo del superfluo. Non c'è niente che si avvicini ad esso.

Ma il bello del combattimento di Dishonored è che non è solo un gioco di coltelli stravagante. Arkane ha costruito una sabbiera incredibilmente creativa di violenza. Emily e Corvo hanno accesso a una vasta gamma di equipaggiamenti: pistole, balestre, mine di prossimità che esplodono in una pioggia di lame di rasoio e altro ancora. Poi ci sono i loro poteri soprannaturali, come il Domino di Emily, che fa sì che ogni nemico legato insieme subisca lo stesso destino.



Creare situazioni mortali di cui i tuoi nemici possano cadere vittime è la cosa migliore che puoi fare durante il tuo tempo in Dishonored 2. Durante il suo recensione playthrough , il nostro Fraser ha usato le sue abilità per indurre un nemico a sparare a un altro. Grazie all'effetto Domino, l'impatto del proiettile non ha solo frantumato il cranio della vittima, ma anche il tiratore e una terza anima indifesa.

Entrambi i personaggi hanno le loro capacità omicide uniche. Giocando nei panni di Corvo puoi attaccare una mina di rasoio a molla sul dorso di un topo, possederlo e costringerlo a correre in una banda di guardie. I risultati sono prevedibilmente soddisfacenti ogni volta.

Anche l'ambiente è pieno di ottime opportunità con cui andare balistico. I muri di luce, i cancelli elettrici che consentono solo alle guardie, possono essere ricollegati per capovolgere le loro priorità. Un buon calcio in combattimento può lanciare una guardia all'indietro, solo per farla friggere nel passaggio che in precedenza li ha lasciati passare. Anche qualcosa di semplice come posizionare una mina stordente alla base di un albero dove una guardia si ferma per liberarsi è un esercizio di divertimento brutale.

La cosa più importante del combattimento di Dishonored 2 è che è difficile. Optare per un playthrough violento non toglie al gioco la sfida, cambia solo il modo in cui si presenta la difficoltà. Devi essere eccezionalmente consapevole sia di te che di ciò che ti circonda durante le mischie. Ogni colpo deve essere bloccato e contrastato e un proiettile vagante può essere la fine per te. Combattere gruppi di nemici è quasi impossibile senza un piano forte e una profonda familiarità con la meccanica.

Anche la varietà dei nemici altera la difficoltà. I soldati meccanici sono di gran lunga più superiori in combattimento rispetto alle loro alternative carnose. Una spinta ben angolata non li lascerà sanguinare sui ciottoli. Sconfiggerli è un vero traguardo, che rende la battaglia un'attività molto più impegnativa che evitarli di nascosto.

Le meccaniche stealth di Dishonored 2 lo rendono un impareggiabile furtivo e dovresti assolutamente provare a ottenere quel perfetto senza uccisioni e senza rilevamenti. Ma non pensare che la violenza debba essere il fulcro del tuo gioco alternativo. Sai, quel terzo tentativo che non riuscirai mai a fare. Sporcarsi la lama è degno della tua prima esperienza di Karnaca. La violenza non è un fallimento in Dishonored 2, in realtà è uno dei suoi migliori risultati.