Guardando indietro: perché vale ancora la pena resistere al freddo a Icewind Dale

Icewind Dale Enhanced Edition recensione black isle bioware chris avellone beamdog trent ostner

Icewind Dale è stato il tentativo di Black Isle di lanciare un rapido gioco di ruolo d'azione nell'Infinity Engine di Baldur's Gate. Poiché erano lo studio che aveva costruito Fallout, tuttavia, fallirono miseramente: creando accidentalmente un mondo coerente delle lande settentrionali di Faerun e riempiendo i suoi sotterranei con intricate reti di battaglie tattiche.

È ancora uno dei migliori errori che puoi giocare su PC oggi.



Sulla carta, Icewind Dale era certamente una prospettiva meno ambiziosa di Baldur's Gate. Laddove il primo gioco di ruolo di BioWare aveva unito le sue mappe isometriche in un mondo aperto patchwork, Black Isle ha progettato una corsa in gran parte lineare attraverso una serie di dungeon. Il giocatore tornava tra ogni scappatella nella stessa città per rifornirsi di pozioni e acquistare nuove pergamene degli incantesimi. E questo è tutto.



Ma Icewind Dale era il prodotto di un team di sviluppo che si divertiva, e si vedeva. Sebbene Dragon Age imiti la sua telecamera tattica in alto, le battaglie di Icewind Dale sono superiori - il tipo di incontri che solo i designer che conoscono il loro motore di combattimento alla rovescia possono raccogliere.

Icewind Dale Enhanced Edition recensione black isle bioware chris avellone beamdog trent ostner



Black Isle era arrivata direttamente dall'aiutare Baldur's Gate, e sapeva cosa aveva reso la sua implementazione in tempo reale di D&D: era veloce e soddisfacente, animata da colpi critici che facevano tremare lo schermo - ma un colpo della barra spaziatrice ha messo in pausa il caos e lo ha reso un affare premuroso.

Trent Oster, il protagonista della Enhanced Edition di Icewind Dale, descrive le battaglie del gioco come 'enigmi da combattimento': scontri con guerrieri scheletrici suicidi che esplodono in schegge di ghiaccio se colpiti da una freccia ben piazzata; troll che devono essere eliminati con danni da fuoco; ei sacerdoti lucertola che li sostengono, eseguendo complicate routine di incantesimi che potrebbero far naufragare l'avanzata del giocatore se lasciati inutilizzati.

L'Enhanced Edition dell'anno scorso include una modalità Storia che ti permetterà di affrontare questi combattimenti come se fosse tanta neve, ma a difficoltà normale dovrai concentrarti. Alcune aree ricordano Doom e i suoi armadi mostruosi, intrappolando il gruppo in situazioni al di là dei loro incantesimi e formazioni di comfort e costringendolo a elaborare un piano per la sopravvivenza.



Le battaglie più dure sono un esercizio di microgestione intensa: dare la priorità ai nemici, interrompere gli incantesimi, contrastare nuvole di gas soffocante e non lasciare mai che la tua mano si muova a più di un pollice dalla barra spaziatrice.

Cambiare i tipi e gli scenari dei nemici significa che non è nemmeno possibile cadere in una tecnica preferita: gli incantesimi ad area d'effetto che hanno ripulito la stanza quando eri al livello cinque possono fare solo metà del lavoro al livello dieci.

Una buona preparazione aiuta. Un sistema di scripting simile a quello in arrivo Battlefleet Gothic: Armada consente ai giocatori di personalizzare il comportamento di ogni membro del gruppo fin nei minimi dettagli. Vuoi che il tuo mago tiri il cavo su quella palla di fuoco autodistruttiva una volta che la loro salute scende al di sotto del dieci percento? Ce la puoi fare.

Icewind Dale Enhanced Edition recensione black isle bioware chris avellone beamdog trent ostner

La finzione di Icewind Dale potrebbe dire che sei avventurieri si rotolano in una grotta e passano una lunga notte a liberare il luogo dai suoi parassiti, ma la realtà è molto più metodica: molti dei suoi combattimenti sono progettati con l'intento di essere massacrati in pochi secondi, pensa a lungo a come contrastare gli effetti di stato con cui sei stato preso a pugni e torna dopo aver rimescolato il tuo libro degli incantesimi.

C'è un vasto catalogo di incantesimi di D&D tra cui scegliere, molto di più di quanto sarebbe stato progettato e implementato in modo ragionevole in un gioco di ruolo digitale medio. È il sogno di un tattico: per ogni situazione difficile, ci sarà sicuramente la maledizione perfetta che attende il giocatore abbastanza paziente da scorrere le descrizioni. Icewind Dale trasforma la magia nella ricerca accademica sempre implicita nella contabilità e nello stile di vita solitario.

I dungeon sono squisitamente estenuanti. Forse più che in qualsiasi altro gioco di ruolo occidentale, catturano il processo simile a Tolkien attraverso il quale un gruppo di quasi sconosciuti entra nelle fauci di una montagna ed emerge, alcuni giorni dopo, come un'unità esausta ma indurita.

Un dungeon in particolare scende di diversi livelli, sbloccando depravazioni più profonde e più pericolose man mano che va avanti. Una volta che torni sbattendo le palpebre nella neve, è come se ogni freccia dei goblin avesse scheggiato i tuoi avventurieri di pietra, rivelandoli gradualmente per quello che sono. Alla fine del gioco, avrai una formazione Testudo ambulante e parlante con statistiche e abilità per coprire i fallimenti degli altri.

Due anni dopo, Black Isle rilascerà Icewind Dale II. Semmai è stato chiamato erroneamente - portando i suoi giocatori lontano dal ghiaccio per quello che Avellone chiama un 'tour mondiale dei Forgotten Realms'.

Ma questo primo gioco era tanto radicato quanto i giochi di ruolo. Mentre la trama alla fine si trasforma in una partita di rancore interdimensionale, non lascia mai le Dieci Città, la regione ghiacciata a nord di Faerun.

Il senso di località produce una costruzione del mondo meravigliosamente sottile. La sola città di partenza, Easthaven, riesce a confezionare sussistenza, stoicismo, religione e il fetore del pesce essiccato in un disegno isometrico.

Più tardi, in un lungo periodo di narrazione forense, puoi scegliere una roccaforte elfica che cadde tragicamente dopo la rottura della sua relazione con i suoi alleati nanici. E poi attraverserai la città nanica e scoprirai la loro versione della storia di come le cose sono andate storte. È come arrancare attraverso un poema epico punteggiato da punch-up con orchi spettrali.

Icewind Dale Enhanced Edition recensione black isle bioware chris avellone beamdog trent ostner

Icewind Dale rimane anche, per quanto ne so, l'unico gioco di ruolo in cui si può avere una discussione con uno scheletro sul problema della politica estera proattiva.

Incaricato di trovare la fonte di un potere di estinzione del calore che minaccia di strangolare la civiltà nella Valle, sei ridotto a spaccare le cripte di antichi mali conosciuti nella zona. Più di una volta, le tue deboli linee di indagine terminano con un ticchettio di un guerriero non morto particolarmente animato sull'audacia di irrompere in una tomba con false pretese. Se la sua data di rilascio non fosse diversa, sarei convinto che Icewind Dale fosse un'allegoria sulla ricerca di armi di distruzione di massa.

Nonostante l'enfasi sul combattimento del gioco, Black Isle ha chiaramente preso molto sul serio il gioco di ruolo in tutto ciò che ha fatto. Memorabilmente, una mappa nel gioco può essere trasformata da un hub di dialogo a un'area completamente ostile se ti capita di avere un paladino a guidare il gruppo.

E il processo di creazione del personaggio in sei persone è, sebbene impegnativo, tutto ciò che un fan di D&D desidera. Presenta un'opportunità non solo per combinazioni inarrestabili di assassini multi-classe, ma anche per feste di alto livello. Se hai un immaginazione come quella di Chris Avellone , forse tutti e sei saranno i maghi di Thay vestiti di rosso, che dissotterreranno potenti artefatti nelle rovine elfiche intorno alle Dieci Città. O forse i due alle spalle sono schiavisti, e gli altri il loro involontario mangime per draghi.

Ci sono macchie scure nel paesaggio bianco altrimenti scintillante di Icewind Dale. L'idea di fallire il tiro di dado per imparare un incantesimo e trascorrere il resto del gioco senza di esso rischia di offendere la sensibilità moderna. E ci sono almeno un paio di picchi di difficoltà crudeli: boss tangibili solo con armi +3 e nessuna guida in-game per spiegare tanto. Non c'è dubbio che questo è un gioco molto apprezzato da coloro che ne hanno già giocato un altro, Baldur's Gate. E questo è un requisito di accesso che richiede tempo.

Ma la nuova Enhanced Edition include tutte le opzioni di classe e razza dagli altri giochi di ruolo aggiornati di Beamdog, trasforma il multiplayer una volta rotto in convincente co-op e fa esplodere le mappe del gioco alle più alte risoluzioni, dove può essere il freddo tangibile della Valle adeguatamente apprezzato.

È un gioco che avrebbe dovuto essere semplice, usa e getta e subito dimenticato. Ma Black Isle semplicemente non ce l'aveva.

Se questo non soddisfa la tua sete di giochi di ruolo, leggi le nostre interviste con Trent Oster e Chris Avellone .